Che cos’è la NATO?

Seleziona un argomento e scopri la NATO

1 Paesi membri

Membri della NATO

Gli attori principali nell’organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord sono i Paesi membri stessi.

Attualmente ci sono 29 paesi membri

Ordina alfabeticamente  o  Ordina per data

  • Albania (2009)
  • Belgio (1949)
  • Bulgaria (2004)
  • Canada (1949)
  • Croazia (2009)
  • Repubblica Ceca (1999)
  • Danimarca (1949)
  • Estonia (2004)
  • Francia (1949)
  • Germania (1955)
  • Grecia (1952)
  • Ungheria (1999)
  • Islanda (1949)
  • Italia (1949)
  • Lettonia (2004)
  • Lituania (2004)
  • Lussemburgo (1949)
  • Montenegro (2017)
  • Paesi Bassi (1949)
  • Norvegia (1949)
  • Polonia (1999)
  • Portogallo (1949)
  • Romania (2004)
  • Slovacchia (2004)
  • Slovenia (2004)
  • Spagna (1982)
  • Turchia (1952)
  • Regno Unito (1949)
  • Stati Uniti (1949)

Allargamento della NATO

Può diventare membro della NATO “qualsiasi altro Stato europeo in condizione di soddisfare i principi di questo trattato e di contribuire alla sicurezza dell'area nord-atlantica”.

La NATO ha anche un cosiddetto Piano d’azione per l’adesione. Tale piano aiuta gli aspiranti membri a prepararsi all’adesione e a soddisfare i requisiti chiave fornendo loro consigli pratici e assistenza mirata.

 
&nsbp;
&nsbp;
Immagine di una riunione della NATO

2 Punti fondamentali

< >

2.1 Un’alleanza politica e militare

La sicurezza nella nostra vita quotidiana è fondamentale per il nostro benessere. Scopo della NATO è garantire la libertà e la sicurezza dei Paesi membri attraverso mezzi politici e militari.

POLITICA - La NATO promuove i valori democratici e consente ai membri di consultarsi e collaborare in materia di difesa e sicurezza per risolvere i problemi, creare fiducia e, nel lungo termine, prevenire i conflitti.

MILITARE - La NATO si impegna a risolvere pacificamente le controversie. In caso di fallimento degli sforzi diplomatici, ha il potere militare di intraprendere operazioni di gestione delle crisi. Tali operazioni devono essere condotte in base alla clausola di difesa collettiva presente nel trattato fondativo della NATO - Articolo 5 del Trattato di Washington o dietro mandato delle Nazioni Unite, da soli o in collaborazione con altre organizzazioni internazionali.

2.2Difesa collettiva

La NATO è tenuta a seguire il principio secondo il quale un’aggressione a uno dei suoi membri equivale a un’aggressione a tutti. Si tratta del principio di difesa collettiva, presente nell’articolo 5 del Trattato di Washington.

Finora l’articolo 5 è stato invocato solo una volta, nel 2001, in occasione degli attacchi terroristici dell’11 settembre negli Stati Uniti.

2.3Il legame transatlantico

La NATO è un’alleanza fra Paesi dell’Europa e dell’America del Nord. Rappresenta un legame unico fra questi due continenti che possono così consultarsi e collaborare in materia di difesa e di sicurezza e condurre insieme operazioni multinazionali di gestione delle crisi.

2.4Il Concetto Strategico 2010

Il Concetto Strategico stabilisce i compiti fondamentali e i principi dell’Alleanza, i suoi valori, le condizioni di sicurezza in evoluzione e i suoi obiettivi strategici per la decade successiva. Il Concetto Strategico 2010 stabilisce i seguenti compiti fondamentali della NATO: difesa collettiva, gestione delle crisi e sicurezza cooperativa.

 
 

3 Attività

< >

3.1Decisioni e consultazioni

Ogni giorno, i Paesi membri della NATO si consultano e prendono decisioni in materia di sicurezza a tutti i livelli e in diversi campi.

Una “decisione NATO” è espressione della volontà collettiva di tutti i 29 Paesi membri poiché tutte le decisioni vengono prese all’unanimità.

Centinaia di ufficiali, ma anche civili ed esperti militari, vengono ogni giorno nei quartieri generali della NATO per scambiarsi informazioni, condividere idee e aiutare a preparare le decisioni quando è necessario, in collaborazione con le delegazioni nazionali e lo staff dei quartieri generali NATO.

3.2 Operazioni e missioni

  • Afghanistan   Kosovo
  • Messa in sicurezza del Mediterraneo
  • Sostegno all’Unione africana

La NATO svolge un ruolo attivo in un’ampia gamma di operazioni e missioni di gestione delle crisi, incluse le operazioni di emergenza civile.

Le operazioni NATO di gestione delle crisi vengono condotte in base all’articolo 5 del Trattato di Washington o dietro mandato delle Nazioni Unite.

3.3 Partenariati

Circa 40 Paesi non membri lavorano con la NATO a un’ampia gamma di questioni politiche e legate alla sicurezza. Tali Paesi perseguono il dialogo e la cooperazione pratica con l’Alleanza e molti di loro partecipano alle operazioni e missioni guidate dalla NATO. La NATO collabora anche con una vasta rete di organizzazioni internazionali.

I Paesi partner non hanno la stessa autorità decisionale dei Paesi membri.

 Per saperne di più
sui partenariati della NATO

3.4 Creazione di mezzi per reagire alle minacce

La NATO si è sempre rinnovata e adattata per far sì che le sue politiche, capacità e strutture fossero in grado di fronteggiare le minacce presenti e future, per la difesa collettiva dei suoi membri.

 
 

4 Eventi chiave

 

1989

Caduta del muro di Berlino

1991

La NATO crea dei partenariati con gli ex avversari dopo il crollo dell’
Unione Sovietica

1995

La NATO intraprende la sua prima importante operazione di gestione di una crisi in
Bosnia ed Erzegovina

2001

Attacchi terroristici di grandi proporzioni a New York e Washington D.C.

La NATO invoca l’articolo 5 per la prima volta e adotta un approccio più ampio in materia di sicurezza

2003

La NATO assume il comando della International Security Assistance Force - ISAF - in Afghanistan

2010

La NATO adotta il Concetto Strategico 2010 "Impegno attivo, difesa moderna"

 Vai ai documenti declassificati NATO

5 Strutture operative

Paesi membri

 
Comitati militari

Staff militare internazionale

 
Vedi organigramma