LINGUA
Dati i tempi di traduzione, l'edizione italiana della NATO Review sarà online circa due settimane dopo l'edizione inglese
LA RIVISTA DELLA NATO
REGOLE DI COLLABORAZIONE
INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT
GRUPPO DI REDAZIONE
 RSS
INVIA QUESTO ARTICOLO AD UN AMICO
ABBONARSI ALLA RIVISTA DELLA NATO
  
 

Il generale Alexander Haig discute, nel 1976, della forza del Patto di Varsavia nel Comitato per la pianificazione della difesa.

La NATO, nel 1967, inaugura la sua nuova sede a Bruxelles (Belgio).

Il Presidente Richard Nixon (al centro) accoglie i ministri della NATO a Washington, nell’aprile 1969, nella stessa sala dove era stato firmato il Trattato della NATO vent’anni prima.

Il Presidente John F. Kennedy visita, nel 1961, la sede della NATO a Parigi (Francia).

Il Segretario generale della NATO Manfred Wörner ripreso nella Piazza Rossa di Mosca mentre si prepara ai colloqui con i vertici sovietici (1990).

Gli ambasciatori e il personale del Segretariato internazionale della NATO osservano tre minuti di silenzio, il 14 settembre 2001, in segno di rispetto per le vittime degli attacchi negli USA, avvenuti tre giorni prima.

Un soldato della pace appartenente alla Forza di stabilizzazione a guida NATO passeggia lungo quella che era stata la linea del fronte a Sarajevo.

Una donna di etnia albanese nutre il suo bambino mentre, insieme ad altri 2.000 rifugiati, fugge dal Kosovo (30 marzo 1999).

Un soldato italiano delle forze di mantenimento della pace della NATO ritratto presso il cimitero “Lion” di Sarajevo.

Il conflitto bosniaco è stato anche una guerra mediatica, con i canali di comunicazione che divenivano obiettivi.

Il generale Wesley Clark illustra, in una conferenza stampa, l’operazione della NATO in Kosovo Allied Force (13 aprile 1999).

L’Afghanistan è passato attraverso la tirannia dei Talebani, come dimostra la distruzione per loro mano dei Budda di Bamyan (2001).

Le elezioni hanno mostrato che gli afgani controllano saldamente il loro paese.

Dai proiettili ai voti: la trasformazione dell’Afghanistan sarà di nuovo verificata con le elezioni che si svolgeranno quest’anno nel paese.

I campi di oppio in Afghanistan costituiscono una fonte di sofferenza per la popolazione; innanzitutto perché generano dipendenza, poi perché consentono agli insorti di finanziarsi.

Mentre compie 60 anni, la NATO si propone di continuare a sostenere i valori dell’Alleanza.

Il generale Alexander Haig discute, nel 1976, della forza del Patto di Varsavia nel Comitato per la pianificazione della difesa.

La NATO, nel 1967, inaugura la sua nuova sede a Bruxelles (Belgio).

Il Presidente Richard Nixon (al centro) accoglie i ministri della NATO a Washington, nell’aprile 1969, nella stessa sala dove era stato firmato il Trattato della NATO vent’anni prima.

Il Presidente John F. Kennedy visita, nel 1961, la sede della NATO a Parigi (Francia).

Il Segretario generale della NATO Manfred Wörner ripreso nella Piazza Rossa di Mosca mentre si prepara ai colloqui con i vertici sovietici (1990).

Gli ambasciatori e il personale del Segretariato internazionale della NATO osservano tre minuti di silenzio, il 14 settembre 2001, in segno di rispetto per le vittime degli attacchi negli USA, avvenuti tre giorni prima.

Un soldato della pace appartenente alla Forza di stabilizzazione a guida NATO passeggia lungo quella che era stata la linea del fronte a Sarajevo.

Una donna di etnia albanese nutre il suo bambino mentre, insieme ad altri 2.000 rifugiati, fugge dal Kosovo (30 marzo 1999).

Un soldato italiano delle forze di mantenimento della pace della NATO ritratto presso il cimitero “Lion” di Sarajevo.

Il conflitto bosniaco è stato anche una guerra mediatica, con i canali di comunicazione che divenivano obiettivi.

Il generale Wesley Clark illustra, in una conferenza stampa, l’operazione della NATO in Kosovo Allied Force (13 aprile 1999).

L’Afghanistan è passato attraverso la tirannia dei Talebani, come dimostra la distruzione per loro mano dei Budda di Bamyan (2001).

Le elezioni hanno mostrato che gli afgani controllano saldamente il loro paese.

Dai proiettili ai voti: la trasformazione dell’Afghanistan sarà di nuovo verificata con le elezioni che si svolgeranno quest’anno nel paese.

I campi di oppio in Afghanistan costituiscono una fonte di sofferenza per la popolazione; innanzitutto perché generano dipendenza, poi perché consentono agli insorti di finanziarsi.

Mentre compie 60 anni, la NATO si propone di continuare a sostenere i valori dell’Alleanza.

Condividi questo:    DiggIt   MySpace   Facebook   Delicious   Permalink